alt="olio di cbd per dormire"

Olio di CBD per dormire meglio: come funziona e benefici

Indice

Olio di CBD per dormire: come funziona e benefici

L’insonnia è un disturbo che interessa un gran numero di individui e che si manifesta con una ridotta continuità o durata del sonno. Negli anni, numerosi studi scientifici si sono concentrati sull’utilizzo dell’olio di CBD per dormire (c.d gocce di cbd per dormire) ed in molti si chiedono se possa effettivamente considerarsi un buon rimedio naturale per migliorare la qualità del sonno.

CBD per dormire: cos’è

La Cannabis produce numerose sostanze chimiche di origine naturale come i terpeni ed anche cannabinoidi, composti organici facenti parte della categoria dei terpenofenoli. I due cannabinoidi più conosciuti sono il cannabidiolo (CBD) e il tetraidrocannabinolo (THC). In particolare, il CBD è un cannabinoide non-psicoattivo noto per le sue elevate proprietà antinfiammatorie ed antiossidanti.

I cannabinoidi interagiscono con il sistema endocannabinoide (ECS) presente nel nostro organismo, regolando una serie di processi cognitivi e fisiologici. Vediamo più nello specifico come funziona questo processo.

Olio di CBD per migliorare la qualità del sonno: come funziona

Il CBD è in grado di regolare innumerevoli processi fisiologici, interagendo con il nostro sistema nervoso e indirettamente sul sistema immunitario. E’ una molecola “regolatrice” del nostro sistema endocannabinoide.

I recettori dei cannabinoidi presenti nel nostro organismo sono due: CB1 e CB2 e fanno parte del sistema endocannabinoide (ECS) la cui funzione è quella di proteggere tutta la biochimica del corpo umano, quindi le nostre cellule, i nostri tessuti, i nostri organi. I recettori CB1 si trovano nel sistema nervoso e nel cervello, mentre i recettori CB2 sono presenti nel sistema immunitario. Regolano una grande varietà di processi sia fisiologici che cognitivi, come l’appetito, la sensazione di dolore o l’umore.

Nel momento in cui si assume il CBD, esso va a stimolare il primo recettore CB1 che si trova principalmente nei neuroni, e si manifesta con svariati effetti benefici grazie alla sua azione antiemetica, antiossidante, ipotensiva, immunosoppressiva, antinfiammatoria, analgesica, antispastica e stimolante dell’appetito.

Quindi, possiamo affermare che le proprietà dell’olio di CBD per dormire derivano prevalentemente dall’interazione con il recettore CB1, diminuendo il tempo necessario per addormentarsi, aumentando la durata del sonno più profondo e riposante, riducendo al minimo alcuni fattori che possono interromperlo.

CBD per aiutare il sonno: i benefici

Nonostante sia chiaro che il CBD interagisca con il nostro sistema endocannabinoide mettendo in moto determinati meccanismi, la sua efficacia terapeutica nel disturbo dell’insonnia non è ancora del tutto chiara.

Utilizzare l’olio di CBD per migliorare la qualità del sonno, ha senza dubbio dei benefici per l’organismo, ma non si può affermare nello specifico che possa essere utilizzato per curare l’insonnia. Sicuramente l’assunzione del CBD è in grado di alleviare alcuni sintomi ma la sua efficacia va considerata caso per caso.

Vediamo insieme quali sono le principali cause dell’insonnia e come le gocce di olio di CBD per dormire possono agire per alleviarne i sintomi.

Proprietà ansiolitiche del CBD

Una delle principali cause associate ai disturbi di insonnia è l’ansia, responsabile della difficoltà che molte persone hanno nel prendere sonno.

Numerosi studi hanno evidenziato come l’olio di CBD possa essere un valido alleato per alleviare i sintomi di Disturbo Post Traumatico da Stress (DPTS) e del Disturbo Ossessivo Compulsivo (DOC). Infatti, molti di questi disturbi legati all’ansia derivano in parte da una carenza di anandamide. La produzione di tale sostanza viene regolata dal sistema endocannabinoide e può quindi essere modulata attraverso l’assunzione di olio di CBD.

Olio di CBD e depressione

Il secondo fattore che spesso determina problemi di insonnia è la depressione, sia temporanea che cronica. A tal proposito, bisogna ricordare che una della funzioni principali del recettore CB1 è la regolazione di processi cognitivi legati all’umore.

Utilizzando in modo giusto l’olio di CBD per migliorare la qualità del sonno, si potrebbero ottenere anche effetti benefici per il nostro organismo e mitigare così i sintomi dell’insonnia derivati dalla depressione.

Proprietà rilassanti dell’olio di CBD per riposare meglio

Secondo numerosi studi, le principali cause dei disturbi del sonno sono lo stress e uno stile di vita frenetico. Questo provoca spesso difficoltà nel bilanciare il ciclo del sonno che a sua volta determina problemi di concentrazione durante il giorno.

Il CBD, interagendo con determinati processi del sistema endocannabinoide, inibisce i processi eccitanti in corso, restituendo una sensazione di rilassamento. Si ha infatti una regolazione del battito cardiaco e una riduzione della velocità del respiro.

Ovviamente l’utilizzo dell’olio di CBD per migliorare la qualità del sonno non dovrebbe essere un modo per sostituire uno stile di vita più sano ed equilibrato. Tuttavia, può essere un valido alleato in particolari periodi carichi di stress.

CBD per disturbi del sonno: effetti collaterali

L’assunzione dell’olio di CBD per dormire meglio non ha particolari controindicazioni ed effetti collaterali pertanto risulta essere sicuro per le persone che lo utilizzano.

Ovviamente, se avete intenzione di utilizzarlo per periodi prolungati o se attualmente state già assumendo altri farmaci, è sempre consigliabile chiedere un parere al proprio medico di fiducia.

L’efficacia dell’olio di CBD contro l’insonnia

Tirando le somme di quanto visto finora, possiamo affermare che l’olio di CBD è utile per le persone che cercano un rimedio naturale per dormire meglio ma non è un rimedio definitivo per curare l’insonnia. Esso può infatti alleviarne i sintomi, donando un effetto rilassante e antidepressivo.

Tuttavia, gli studi scientifici dimostrano che questi effetti sono strettamente soggettivi e attualmente non è stata trovata alcuna prova oggettiva della sua efficacia terapeutica.

Nonostante siano necessarie ulteriori indagini sugli effetti benefici dell’olio di CBD per dormire, è certo che sempre più persone abbiano riscontrato un elevato miglioramento del sonno tramite l’assunzione del CBD.

Quanto CBD devo prendere per dormire?

La ricerca sul dosaggio più efficace del CBD per il sonno e l’insonnia è ancora in corso, ma la maggior parte degli studi scientifici hanno rilevato che dosi più elevate sembrano funzionare meglio.

Non esistono ancora linee guida certe che indicano il dosaggio ottimale in gocce di CBD per il sonno e le concentrazioni da utilizzare possono variare ampiamente a seconda della persona che li assume, in quanto è molto soggettivo. Ci sono persone a cui bastano poche gocce di olio CBD al 10%, altre che necessitano di molte gocce di CBD, anche se hanno acquistato un prodotto a base di CBD ad elevata concentrazione come l’olio di CBD al 20%.

E’ utile acquistare inizialmente un olio di cbd a media concentrazione (1000mg CBD olio di CBD al 10%) e successivamente verificarne con calma e gradualità gli effetti valutando le proprie esigenze individuali, fino ad arrivare alla dose personale che si reputa migliore, aumentando o diminuendo di volta in volta il dosaggio giornaliero. Un consiglio è quello di appuntare la dose giornaliera di cbd assunta.

Se utilizzato in presenza di patologie specifiche è sempre consigliato consultare un medico o naturopata, per concordare la migliore terapia.

Prova i nostri oli di CBD naturali di alta qualità e ritrova il tuo contatto con la natura!

0
    Carrello
    il tuo carrello è vuotoTorna al negozio

      Congratulations!
      You have Free shipping discount now!